Trattamento della prostatite - farmaci efficaci per la prostata

La prostatite è una malattia infiammatoria della ghiandola prostatica. Molti fattori sono coinvolti nello sviluppo della malattia. Il gruppo a rischio comprende uomini con inattività fisica, sovrappeso, dopo i 50 anni. La patologia si manifesta con disturbi del sistema genito-urinario. I farmaci efficaci per la prostatite aiutano ad alleviare i sintomi e influenzano la loro causa. La scelta del farmaco viene effettuata solo dal medico curante.

medicinali per la prostatite

Cosa combattere con la prostatite

Medicinali, procedure fisioterapiche, rimedi esterni, massaggi, tecniche non convenzionali, dieta, terapia fisica: tutte queste sono misure per il trattamento della prostatite. I farmaci più efficaci non saranno efficaci come sostiene il produttore se il paziente non segue altre regole di terapia. I farmaci per l'infiammazione della ghiandola prostatica mirano ad eliminare il processo infiammatorio, eliminare il ristagno e normalizzare la circolazione sanguigna. Per raggiungere questo obiettivo, il medico prescrive farmaci di diversi gruppi, a seconda della forma della patologia e delle caratteristiche del decorso clinico.

Quali sintomi infastidiscono un uomo con un'infiammazione della prostata:

  • disagio e dolore durante lo svuotamento della vescica;
  • frequente bisogno di urinare;
  • dolore durante i movimenti intestinali;
  • sintomi generali di intossicazione;
  • dolore al perineo, che si irradia alla parte bassa della schiena;
  • aumento della temperatura corporea, brividi.

Nel decorso cronico della patologia, il complesso sintomatico è aggravato. Tali disturbi come dolore tirante costante nella parte bassa della schiena, irritabilità, insonnia, sensazione di bruciore nell'uretra si uniscono. Spesso, la prostatite trascurata colpisce la funzione sessuale, portando a eiaculazione dolorosa e disagio durante il rapporto stesso.

Nella fase iniziale della patologia, i farmaci per la prostata aiuteranno ad alleviare i sintomi e l'esercizio e la dieta prescritti dal medico elimineranno le probabili cause. In questo caso, il trattamento sarà il più rapido ed efficace possibile. Se ignori le manifestazioni della patologia per lungo tempo, puoi affrontare gravi complicazioni, fino alla necessità di rimuovere chirurgicamente la ghiandola prostatica.

Farmaci essenziali per il trattamento

Per il trattamento dell'infiammazione della prostata vengono utilizzati agenti dei gruppi di farmaci antinfiammatori non steroidei, alfa-bloccanti, antibatterici, immunomodulatori. Inoltre, il medico può raccomandare complessi vitaminici, integratori alimentari e farmaci per aumentare la potenza.

Con la flora batterica di accompagnamento, gli antibiotici sono necessariamente prescritti. Questo viene fatto solo dal medico dopo l'esame. Gli agenti antibatterici di un ampio spettro d'azione sono più spesso prescritti. L'automedicazione con farmaci del gruppo di antibiotici è vietata, poiché hanno molte reazioni collaterali, richiedono la scelta corretta del dosaggio e della durata del trattamento.

Gli antibiotici vengono somministrati sotto forma di pillola una volta al giorno. Il corso del trattamento di solito dura 3 giorni, ma può essere esteso dal medico curante. Hanno effetti antibatterici, antimicotici e antiprotozoari.

Gli antibiotici penicillina spesso provocano lo sviluppo di allergie. Se compaiono sintomi, informare immediatamente il medico. Lo specialista cambierà il farmaco per il trattamento e fornirà un trattamento sintomatico per eliminare le conseguenze.

pillole per la prostatite

Rimedi erboristici efficaci

La terapia farmacologica complessa per la prostatite può includere preparati a base di erbe. Sono efficaci per migliorare il flusso sanguigno, la microcircolazione, alleviare l'infiammazione e stimolare i processi di recupero. Questo non è l'intero elenco delle loro proprietà utili, quindi, per la maggior parte degli uomini con prostatite, saranno utili.

Il farmaco di produzione indiana è indicato per la prostatite al fine di rafforzare in generale il sistema immunitario. È adatto per migliorare la funzione del sistema genito-urinario. Disponibile in forma di pillola, presa due volte prima dei pasti.

L'efficacia del farmaco aumenterà se, nel corso del trattamento, l'uomo passa a una dieta sana, riducendo la quantità di grassi consumati, zucchero, alcol, sale. Contiene ginseng, calamo, legno di sandalo, chiodi di garofano, zenzero e altre piante. Il farmaco è buono perché può essere combinato con qualsiasi farmaco.

Esiste un farmaco indiano efficace che ha effetti antinfiammatori e prostatotropici. Lo strumento migliora la microcircolazione nei tessuti danneggiati, migliora la spermatogenesi. I suoi benefici risiedono anche nel ridurre la congestione e la disuria.

La composizione del prodotto contiene piante come lattuga bussola, suvarnavanga, bella jagirea, orchidea maschio, leptadenia reticolata e altre. Il medicinale viene prodotto sotto forma di compresse, assunte due volte al giorno nel periodo iniziale della malattia. Man mano che ti riprendi, il dosaggio viene ridotto. È controindicato solo in caso di intolleranza ai singoli componenti nella composizione.

Vitamine e integratori alimentari

Durante il trattamento della prostatite, è estremamente importante per un uomo ricostituire l'equilibrio di vitamine e microelementi che mancano nel corpo. A tal fine, il medico può raccomandare l'assunzione di complessi vitaminici e integratori alimentari. L'assunzione sistematica di questi fondi aiuterà ad aumentare la resistenza del corpo e migliorare il benessere generale.

I farmaci hanno effetti antiossidanti, immunomodulatori, tonici e antinfiammatori. Contengono componenti benefici per la prostata, come vitamina E, zinco, glicina, semi di zucca, rame e altri. Insieme, queste sostanze aiutano ad alleviare il gonfiore, normalizzare e rimuovere le secrezioni, mantenere l'equilibrio ormonale. La composizione dei fondi contiene anche L-glutammina e L-alanina, che sono antiossidanti.

Farmaci antinfiammatori non steroidei

Considerando che il processo infiammatorio è al centro della prostatite, il trattamento sarà accompagnato dall'uso di farmaci antinfiammatori. Alleviano il dolore, rimuovono la febbre, riducono il gonfiore e alcuni aiutano inoltre a fluidificare il sangue ed eliminare la congestione.

I FANS per l'infiammazione della prostata agiscono riducendo le prostaglandine coinvolte nello sviluppo della risposta infiammatoria. Hanno effetti antipiretici, antinfiammatori, forti analgesici. Si distinguono per il loro basso costo e l'efficienza relativamente elevata, ma allo stesso tempo hanno molte reazioni collaterali e controindicazioni.

Bloccanti adrenergici per disturbi della minzione

L'effetto terapeutico dei bloccanti adrenergici è il seguente:

  • eliminazione dei sintomi acuti associati al deflusso di urina alterato;
  • migliorare la pervietà dell'uretra;
  • una diminuzione della frequenza delle recidive nella prostatite cronica;
  • riducendo la pressione della prostata sull'uretra.

Questi farmaci sono necessari anche per la prevenzione dell'infiammazione purulenta. I processi stagnanti nella prostata e nella vescica possono provocare infezioni e accumulo di pus. Quando la tensione e la spasticità dell'uretra vengono alleviate, passa anche il ristagno.

I bloccanti adrenergici sono utilizzati con successo nelle forme acute e croniche di patologia. Hanno un pronunciato effetto analgesico, escludendo la difficoltà a urinare, alleviano lo spasmo e la tensione della vescica, dell'uretra e della prostata.

Immunomodulatori per uso esterno

Per aumentare la resistenza del corpo, vengono utilizzati agenti del gruppo immunomodulatore. Sono mostrati sotto forma di compresse e supposte rettali.

Le supposte sono prescritte in parallelo con la terapia antibiotica. Sono usati 2 volte al giorno, il corso del trattamento è in media di 15 supposte. Sono prescritti per patologia acuta e cronica e la durata della terapia e il dosaggio sono determinati dal medico curante.

supposte per prostatite

Durante il trattamento della prostatite, vari farmaci sono combinati con altri effetti terapeutici. In questo caso, è importante che un farmaco non escluda l'azione dell'altro. Considerando il fatto che ogni medicinale ha controindicazioni, l'automedicazione è altamente sconsigliata. Il passaggio della terapia secondo le istruzioni del medico ti consentirà di liberarti della patologia in breve tempo senza mettere a rischio la salute di altri organi e sistemi.